Eiaculazione Precoce , comprenderne la causa

Comprendere la causa che scatena un problema di eiaculazione precoce, è il primo passo fondamentale per intraprendere il giusto trattamento terapeutico. Vediamo quali possono essere i fattori scatenanti che possono impedire ad un uomo di controllare l’eiaculazione.

eiaculazione precoceMolti uomini e di tutte le età non riescono a controllare l’impulso eiaculatorio e si trovano a dover fare i conti con l’eiaculazione precoce. Spesso si tratta di un problema saltuario e in questo caso non dovrebbe destare particolari preoccupazioni. quando, invece, l’eiaculazione avviene sempre o quasi sempre precocemente, ossia, subito dopo l’inizio del rapporto sessuale o comunque prima che l’uomo o la partner lo desiderano, potrebbe essere un problema.

Capire la causa che scatena un problema di eiaculazione precoce è fondamentale per il trattamento terapeutico. A seconda del fattore scatenante, infatti, si possono intraprendere percorsi terapeutici differenti.

Una premessa importante da fare riguarda il fatto che non per tutti gli uomini si tratta di una malattia a livello organico, ma la valutazione andrologica deve sempre essere effettuata per inquadrare al meglio il problema. Per questo la valutazione andrologica deve sempre essere effettuata per inquadrare al meglio il problema.

LEGGI ANCHE: Trattamenti naturali contro l’eiaculazione precoce

Le cause dell’Eiaculazione Precoce

Una volta si riteneva che le cause dell’eiaculazione precoce fossero legate soltanto a fattori psicologici. Oggi l’approccio verso questo disturbo della sfera sessuale maschile è multifattoriale: le cause infatti possono essere di diverso tipo, organiche o psicologiche.

Le cause psicologiche

L’ eiaculazione precoce può essere scatenata da:

  • cattiva gestione dell’ansia: chi soffre di eiaculazione precoce di solito ha anche problemi di natura ansiosa, legati nello specifico all’ansia da prestazione oppure causati da altri problemi; la cattiva gestione dell’ansia fa vivere la sessualità, come anche la vita quotidiana, all’insegna dell’urgenza;
  • stress e gli stili di vita che spesso inficiano la salute sessuale;
  • fattori situazionali: situazioni in cui, ad esempio, si ha fretta di completare il rapporto sessuale per paura di essere scoperti;
  • altri problemi sessuali: chi ad esempio soffre di problemi erettili, può vivere con ansia l’esperienza sessuale, e la paura di non riuscire ad avere o mantenere l’erezione,  può sviluppare l’abitudine di eiaculare il prima possibile;
  • sensi di colpa che contribuiscono ad affrettare i rapporti sesuali;
  • fattori relazionali/di coppia: le coppie in crisi o che stanno vivendo un periodo conflittuale coppie possono vivere una sessualità problematica, situazione che nell’uomo può creare ansia e stress, fattori che disturbano anche il controllo eiaculatorio;
  • apprendimento sessuale distorto: rapporti sessuali non andati a buon fine e caratterizzati da uno scarso controllo eiaculatorio, tenderanno poi a riproporsi se questi copioni comportamentali non verranno modificati in terapia;
  • cause intrapsichiche: conflittualità con la figura femminile, identità sessuale confuse, omosessualità latente, possono contribuire all’insorgenza dell’eiaculazione precoce.

Cause organiche o biologiche

Secondo gli esperti, quando l’eiaculazione precoce è un problema che si manifesta da sempre, è molto probabile che la causa non sia psicologica ma biologica o organica. Sono molti i fattori organici o biologici o in grado di causare l’eiaculazione precoce:

  • livelli ormonali anomali;
  • bassi livelli di Serotonina, il neurotrasmettitori presente nel sistema nervoso che, oltre all’uomore e agli stati di sonno/veglia, regola anche lo stimolo eiaculatorio;
  • riflessi anomali del sistema eiaculatorio,
  • problemi alla tiroide,
  • infiammazione e infezione della prostata o dell’uretra,
  • caratteristiche ereditarie.

In rari casi, l’eiaculazione precoce è causata da:

  • Danni al sistema nervoso, conseguenza di interventi chirurgici o traumi,
  • Astinenza da narcotici o dalla trifluoperazina, un farmaco usato nella terapia dell’ansia e di altri problemi psicologici.

Eiaculazione precoce, la prima cosa da fare

La prima cosa da fare di fronte ad un problema di eiaculazione precoce è rivolgersi al medico o allo specialista andrologo.

Alcuni, inoltre, dopo una conversazione con il medico, potrebbero in realtà essere rassicurati: gli episodi di eiaculazione precoce, se non avvengono abitualmente, sono normali e in alcuni casi potrebbero non essere nemmeno classificati come eiaculazione precoce, infatti la durata normale di un rapporto, prima di arrivare all’eiaculazione, può variare tra i due e i dieci minuti.

Nel caso in cui venisse diagnosticato un problema di eiaculazione precoce, lo specialista saprà indirizzare il paziente al giusto trattamento terapeutico che potrà essere di tipo farmacologico, fitoterapico o psicologico.

Quando l’eiaculazione precoce è scatenata prevalentemente da ansia, stress o da inadeguati livelli di Serotonina, possono essere molto utili trattamenti di tipo naturale.   Sfruttando l’azione di piante come la Griffonia, la Passiflora e la Valeriana, alcuni integratori possono aiutare a ridurre gli stati di ansia e ad aumentare i livelli di Serotonina.

Prova l’azione benefica di queste piante in sinergia fra loro:

revit 3 confezioni 6-REVIT SINGOLA-CONFEZIONE

 
 
* Le informazioni contenute in questo post hanno esclusivamente scopo informativo e non sostituiscono il parere del medico.
 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il primo commento a questo articolo!

avatar
wpDiscuz