Emorroidi rimedi naturali alimentazione

Emorroidi rimedi naturali: alimentazione sana e corretta è uno di questi metodi. Ma come si possono contrastare le emorroidi esterne e i fastidi e dolori tipici di questo disturbo, con una corretta alimentazione? Vediamo l’efficacia dei rimedi naturali e della prevenzione e trattamento anche di tipo alimentare, contro l’insorgenza della trombosi delle emorroidi ed un disturbo che ad oggi provoca molti problemi.

alimentazione-corretta-per-le-emorroidi

Emorroidi rimedi naturali: alimentazione e prevenzione. Cosa sono e come si presentano?

Molto spesso si crede che le emorroidi siano un problema poco diffuso e c’è ancora oggi una certa difficoltà a parlare con il medico in quanto ci si tende a vergognare di soffrire di un problema di salute che interessa una zona del corpo intima, come quella anale.

Prima di tutto, bisogna chiarire che il termine emorroidi, da solo, non è un termine efficace per fornire una valida spiegazione di un disturbo che, al contrario, è chiamato in genere emorroidi esterne oppure emorroidi trombizzate. Le emorroidi non sono altro che una normale presenza all’interno del nostro organismo, una presenza che è tra l’altro dotata di una certa utilità: per spiegare di cosa si tratta, ricordiamo che essi sono cuscinetti morbidi e ricchi di vene – non a caso si parla di rete venosa – che si trovano verso la parte finale del canale anale.

In natura, esse hanno una funzione molto importante perché, nel momento in cui funzionano bene, sono utilissime al mantenimento della continenza, in quanto si gonfiano e si sgonfiano, si dilatano e si restringono per rendere semplice il processo di defecazione e di evacuazione. In condizioni normali, nessuno avverte la presenza delle emorroidi, ma quando esse si infiammano – e quindi nel momento in cui si hanno emorroidi infiammate – è del tutto possibile che si verifichi  tutta una serie di situazioni e di disturbi, che possono essere di gravità diversa e quindi richiedere un trattamento differente, a seconda del caso specifico.

Le alterazioni della normale presenza di emorroidi si verificano, per determinate cause quando vi è il cedimento, e quindi lo scivolamento verso il basso di questi tessuti e pertanto il prolasso delle emorroidi esterne. Secondo alcuni studi, le emorroidi esterne possono essere causate da una serie di fattori anche di ordine genetico, oltre che da uno stile di vita non corretto, e chiaramente possono peggiorare durante il periodo della gravidanza, che come sappiamo è un momento molto delicato in cui i normali equilibri del corpo possono alterarsi, dando vita a situazioni di questa entità.

Sappiamo quindi che tra i fattori decisivi per quel che concerne l’insorgenza delle emorroidi, bisogna ricordare nello specifico i fattori di ordine costituzionale, che possono fare capo a situazioni di scarsa elasticità delle reti venose e quindi a problemi di cattiva circolazione, oppure di natura ambientale, come ad esempio alcune condizioni temporanee come la gravidanza, ed uno stile di vita non adeguato al caso, come ad esempio una dieta povera di fibre ed una alimentazione non adeguata.

Tra i sintomi che riguardano le emorroidi si ricordano: prurito anale, eczemi e dermatiti, possibilità di insorgenza di ragadi, sanguinamento e dolore che si intensificano proprio a causa della defecazione. Tutti questi disturbi, ma soprattutto il sanguinamento ed il dolore, possono essere trattati alla radice, ad esempio con una alimentazione sana e con l’associazione del giusto sport e movimento fisico.

Prova Benebeo gel rettale: SOLLIEVO SUBITO contro i disturbi delle infiammazioni del canale-ano-rettale:

SINGOLA-CONFEZIONE 3-SENSOVIT 6-SENSOVIT

Rimedi naturali contro le emorroidi: l’alimentazione corretta è alla base

Come è facile capire, se è vero che le emorroidi esterne e sanguinanti, dolorose e pruriginose si possono presentare anche a causa di fattori di ordine ambientale, come ad esempio a causa di una dieta priva di fibre, è altrettanto vero che questi disturbi possono essere alleviati con un comportamento di controtendenza.

Pertanto, uno dei rimedi naturali più efficaci e semplici contro le emorroidi, consiste in un cambiamento delle abitudini e dello stile di vita, che comprende tra gli altri anche una modifica sostanziale della dieta ed anche del modo di vivere. Contrastando la sedentarietà, ad esempio, e cercando di muoversi e di fare sport tutti i giorni, si può avere un aiuto importante contro la stitichezza, un problema di salute che non  è grave ma che può però portare ad un peggioramento delle emorroidi infiammate e dolorose.

Ma veniamo proprio all’alimentazione: cosa bisognerebbe mangiare e cosa, al contrario, sarebbe bene da evitare per fare in modo che le emorroidi non si infiammino o che non si verifichi un possibile peggioramento delle infiammazioni e dei dolori che vi sono alla base?

Chiaramente, quando si parla di dieta contro le emorroidi infiammate, si parla ovviamente di una alimentazione che renda possibile il contrasto a disturbi come la stitichezza e la stipsi, che in genere sono condizioni favorite proprio da disordini alimentari. Va da sé che alcuni tipi di cibi che potrebbero provocare oppure incentivare la stitichezza andrebbero del tutto evitati o almeno ridotti, ed in questo caso si parla di alimenti che non rendono possibile una facile evacuazione o che tendono ad infiammare il colon e l’intestino.

È bene che una dieta corretta venga consigliata da un medico, ma possiamo ricordare che i cibi sconsigliati e quindi da evitare in questi casi sono: alimenti piccanti, come ad esempio pepe e peperoncino, alcolici e superalcolici, caffè e cioccolato, alimenti con eccesso di sale come ad esempio insaccati, formaggi o anche cibo in scatola, o ancora cibi speziati, grassi, ricchi di condimenti di origine animale, come ad esempio il burro ed i formaggi grassi. Sarebbe inoltre bene evitare cibi fritti, ma anche alcuni alimenti in genere non condannati, come ad esempio aglio e cipolla, ed ovviamente anche melanzane, crostacei e frutti di mare.

Una dieta ricca in fibre, al contrario, è una scelta giusta ed intelligente per contrastare il senso di stitichezza che potrebbe sopraggiungere ed essere intensificato durante l’acutizzazione delle emorroidi. Tra gli alimenti consigliati in questo senso si possono ad esempio ricordare l’avena, il brodo vegetale ed anche quello di carne, le castagne, i cavoli, ma anche alcuni tipi di frutta come il melone ed il mirtillo, la patata, il porro, e la salvia.

È bene consumare soprattutto cibi ricchi di fibre ed anche aumentare il consumo di acqua: bere almeno un litro e mezzo – ove possibile anche due – di acqua al giorno, è certamente la soluzione più consigliata e indicata per ammorbidire le feci e per idratare il corpo. In particolare potrebbe essere efficace e molto utile, ad esempio, assumere uno o due bicchieri di acqua tiepida alla fine di ogni pasto ed al mattino, appena alzati e prima di fare colazione: questo comportamento potrebbe rendere possibile un ammorbidimento delle feci.

Tra gli altri rimedi che la natura ci offre e che potrebbero quindi rappresentare un valido aiuto ricordiamo, ad esempio, decotti e tisane di erbe naturali come malva, ippocastano, ananas, cipresso. Potrebbe essere anche molto utile agire in via topica, applicando delle soluzioni di pomate o gel, con olio di bergamotto, acido jaluronico, pantenolo, tutte soluzioni molto utili per lenire il fastidio ed il dolore della defecazione.

Prova Benebeo gel rettale: SOLLIEVO SUBITO contro i disturbi delle infiammazioni del canale-ano-rettale:

SINGOLA-CONFEZIONE 3-SENSOVIT 6-SENSOVIT

 
 
* Le informazioni contenute in questo post hanno esclusivamente scopo informativo e non sostituiscono il parere del medico.
 

 

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il primo commento a questo articolo!

avatar