Testosterone basso: cause e rimedi naturali

In questo articolo parliamo del testosterone basso nell’uomo: le cause e i rimedi naturali. Il testosterone è un ormone steroideo prodotto dai testicoli e dal surrene nell’uomo e, in minima quantità, dalle ovaie e dal surrene nella donna per poi essere in gran parte trasformato in estrogeni.

Nonostante sia prodotto da entrambi i sessi è certamente l’ormone maschile per eccellenza,  responsabile dello sviluppo dei caratteri secondari (barba, voce profonda, massa muscolare, villosità) e della regolazione della maggior parte degli aspetti legati alla sessualità:

  • sviluppo dei genitali,
  • erezione,
  • produzione dello sperma,
  • desiderio sessuale.

Ma il ruolo del Testosterone si estende anche ad altri importanti aspetti. Questo ormone infatti influenza

  • la produzione dei globuli rossi,
  • la regolazione del tono dell’umore e dell’aggressività,
  • i processi cognitivi (memoria, concentrazione, …),
  • la prevenzione di alcune importanti patologie (osteoporosi, ipertensione, diabete mellito, depressione).

Livelli di testosterone: quando è basso?

L’ormone viene prodotto dall’organismo per tutto l’arco della vita raggiungendo generalmente un picco durante l’adolescenza e nel giovane adulto. Generalmente intorno ai 40 anni si inizia a registrare una fisiologica riduzione della produzione di testosterone e, secondo le statistiche, in un uomo adulto sano la perdita si aggira intorno all’1% annuo. Questo è il motivo per cui, man mano che l’uomo si avvicina all’anzianità, iniziano a comparire i primi sintomi del testosterone basso.

testosterone basso

La concentrazione di Testosterone nel sangue è regolata costantemente attraverso dei meccanismi fisiologici che ne determinano variazioni non solo nell’arco della vita , ma anche a livello giornaliero secondo i ritmi circadiani.

I sintomi del testosterone basso

Il testosterone basso nell’uomo, a differenza degli ormoni femminili, diminuisce molto lentamente e gradualmente, ecco perchè l’andropausa è una sindrome con un decorso piuttosto lungo. Alcuni uomini possono andare incontro ad un calo del testosterone più repentino e marcato anche indipendentemente dall’età, in questo caso si parla di ipogonadismo e si tratta a tutti gli effetti di una patologia che può richiedere una terapia sostitutiva.

I sintomi che più  caratterizzano il testosterone basso e che entro certi limiti sono anche da considerare normali segni dell’invecchiamento sono:

  • la riduzione della pulsione sessuale
  • la riduzione della vitalità e dell’energia con aumento del senso di stanchezza e affaticamento
  • la disfunzione erettile
  • l’infertilità
  • la riduzione della massa muscolare e della densità ossea.

Alcuni uomini possono andare incontro anche a numerosi altri problemi:

  • aumento del grasso corporeo
  • riduzione della massa muscolare
  • depressione e diminuzione dell’autostima
  • anemia
  • osteoporosi
  • disturbi del sonno.

Anche se questi sintomi sono facilmente collegabili ad un calo fisiologico del testosterone, a volte potrebbero invece essere segnale della presenza di malattie sottostanti, come ad esempio:

  • una reazione a determinati farmaci,
  • malattie della tiroide,
  • depressione,
  • abuso di alcool,
  • insufficienza testicolare,
  • pubertà precoce o ritardata,
  • malattie croniche (come diabete e malattie renali).

Ecco perchè è importante non dare per scontato nulla e rivolgersi sempre ad un medico o specialista andrologo per avere un quadro chiaro dello stato di salute. Il modo migliore per diagnosticare un testosterone basso è attraverso un esame del sangue.

Testosterone basso: le cause

Abbiamo già accennato al fatto che con l’avanzare dell’età è del tutto fisiologico riscontrare un calo nella produzione di testosterone. In ogni caso le cause del testosterone basso potrebbero essere anche altre problematiche rispetto a quelle del semplice invecchiamento.

Per questo in medicina si distingue fra:

  • IPOGONADISMO PRIMARIO: quando i bassi livelli di testosterone dipendono dagli organi deputati a produrlo e quindi è localizzato nei testicoli. Le cause più comuni del testosterone basso di ipogonadismo primario sono l’età avanzata, lesioni o traumi alle gonadi, rimozione chirurgica delle gonadi, alterazioni cromosomiche.
  • IPOGONADISMO SECONDARIO: se le eventuali compromissioni riguardano l’ipofisi
  • IPOGONADISMO TERZIARIO: se le eventuali compromissioni interessano l’ipotalamo.

Le cause più comuni dell’ipogonadismo secondario e primario sono in genere piuttosto gravi: tumori benigni/maligni all’ipofisi, al cervello, malformazioni dell’ipotalamo, ischemie, emorragie, infezioni alle ghiandole, HIV o AIDS conclamato e perfino l’uso di steroidi.

Terapia sostitutiva per aumentare il testosterone

Non è chiaro se davvero la terapia con testosterone è realmente un modo efficace e sicuro per aumentare i livelli di testosterone. Sicuramente può aiutare l’uomo a contrastare alcuni sintomi dell’ipogonadismo, ma non è ancora stato comprovato se possa anche essere di aiuto in soggetti sani.

L’assunzione della terapia sostituiva in soggetti con livelli normali di testosterone non è raccomandata, in quanto non permette un ulteriore miglioramento e si corre invece un rischio maggiore di effetti collaterali importanti.

Tra i possibili rischi/controindicazioni dei trattamenti farmacologici per aumentare il testosterone troviamo:

  • aumento del volume della prostata (in ogni caso è controindicata in caso di tumore alla prostata)
  • rischio di formazione di trombi in una vena profonda e conseguente embolia polmonare
  • l’insorgenza di apnee notturne
  • ritenzione idrica
  • possibilità di ingrossamento delle mammelle
  • limitazione della produzione di sperma

Ricordiamo infine effetti collaterali meno seri, ma di cui è bene essere consapevoli:

  • vertigini,
  • senso si svenimento,
  • alterazioni del tono dell’umore.

Testosterone basso: rimedi naturali

Per quanto riguarda il testosterone basso e i suoi rimedi naturali, uno stile di vita sano, un’alimentazione attenta e attività fisica sono certamente il modo più semplice per preservare una corretta produzione ormonale.

In questo modo si pone attenzione anche a quelli che sono i fattori di rischio che è stato dimostrato influire negativamente sulla produzione di testosterone:

  • aumento del peso
  • sedentarietà
  • alimentazione squilibrata e poco sana
  • stress e affaticamento eccessivi.

A tutto questo è possibile aggiungere come rimedio naturale al testosterone basso, anche una integrazione naturale attraverso prodotti e sostanze naturali che possono aiutare l’organismo a produrre testosterone. In commercio esistono molti integratori stimolatori del testosterone. Noi consigliamo Tesvit forte per queste caratteristiche:

  • è un prodotto italiano
  • notificato al Ministero della Salute
  • al 100% naturale
  • completo ed equilibrato.

Tesvit forte, inoltre, non è un stimolatore di Testosterone dedicato solo a culturisti o a coloro che hanno problemi nella sfera sessuale, ma a tutti gli uomini, perché è utile anche contro lo stress e puo’ contribuire a migliorare il benessere generale.

SINGOLA-CONFEZIONE 3-SENSOVIT 6-SENSOVIT

Fonti:

  • Mayo Clinic, terapia
  • Harvard University
  • Terapia con androgeni, quando e perchè?
  • Testosterone e prostata, dal mito alla realtà
  • Testosterone, Wikipedia EN
  • Testosterone, LabTestOnLine

 
 
* Le informazioni contenute in questo post hanno esclusivamente scopo informativo e non sostituiscono il parere del medico.
 

 

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il primo commento a questo articolo!

avatar
wpDiscuz